Centro Prenotazioni Traghetti del Mediterraneo


Prima volta in traghetto. Cosa c’è da sapere.

27 luglio 2016

Prima volta in traghettoL’estate è ormai iniziata e molte persone, alcune per la prima volta,  si apprestano a salire su un traghetto per raggiungere la destinazione prescelta. L’Osservatorio di Traghettilines intende quindi fornire alcuni essenziali consigli e informazioni per prepararsi al viaggio.

Partendo dalla prima fase di organizzazione del viaggio, ossia l’acquisto del biglietto traghetto, è opportuno indicare quali sono le tipologie di sistemazione che è possibile prenotare per la traversata.  Sulle navi che effettuano tratte a corto raggio non vi è alcuna scelta, l’unica sistemazione proposta è il passaggio ponte che consiste nella possibilità di accomodarsi in tutte le aree comuni della nave, sia sui ponti esterni che interni, usufruendo di tavolini, sedie e divanetti  predisposti a tal servizio.

A bordo delle navi che effettuano lunghe percorrenze, sono disponibili , oltre al passaggio ponte che è sempre la soluzione più economica,  sistemazioni alternative come le poltrone e le cabine.

La sistemazione in poltrona prevede un posto assegnato numerato su una poltrona similare a quelle dei pullman o dei cinema, talvolta reclinabile, in saloni dotati di televisori e bar. Questa tipologia di sistemazione potrebbe risultare l’unica disponibile su alcune compagnie di aliscafi, nonostante effettuino ovviamente brevi tratte.

Per coloro che, invece, ricercassero una comodità e un relax maggiori durante la traversata sono disponibili  delle cabine; queste possono essere interne o esterne, in base alla presenza o meno di un oblò. All’interno della cabina sono solitamente disposti due letti singoli (cabina doppia) o due letti a castello (cabina quadrupla), su alcune navi sono presenti anche cabine con letti matrimoniali o cabine lusso. Le cabine, in base alla tariffa e al vettore, possono o meno avere il bagno privato.

È importante tener presente che se si acquista una cabina per un numero di occupanti inferiore a quello potenziale, i letti non utilizzati verranno chiusi e resi inaccessibili. La cabina prenotata diventa così riservata in via esclusiva e nessun altro passeggero potrà accedervi.

Qualora, invece, non si desiderasse riservare un’intera cabina, ma semplicemente un posto letto in una cuccetta condivisa, alcune società marittime mettono a disposizione anche quest’opzione, la quale però prevede che i passeggeri siano suddivisi in base al sesso.

I clienti che viaggiano con il proprio amico a 4 zampe e desiderano rimanere con lui durante tutto il tragitto possono prenotare, previa disponibilità, una cabina con accesso animali consentito.

È opportuno sottolineare che le cabine dovranno essere liberate con un certo anticipo rispetto all’attracco in porto della nave, per permettere allo staff di bordo di prepararle per la partenza successiva. Per concedere ai propri clienti di riposare il più a lungo possibile all’interno della propria cabina, alcune compagnie di navigazione hanno attivato un servizio di late check-out, acquistabile con un sovrapprezzo.

Una volta scelta la sistemazione più adatta alle proprie esigenze non resta che acquistare il biglietto e salire a bordo. Alcune compagnie non prevedono l’emissione diretta un e-ticket, pertanto è possibile che si debba effettuare la procedura di check-in alla biglietteria esibendo il voucher stampato e ritirando le carte di imbarco. Tutte le società, in ogni caso, richiedono di presentarsi al porto con un determinato anticipo per permettere al personale di eseguire tutte le procedure di imbarco passeggeri e veicoli in tempo utile per rispettare l’orario di partenza previsto. Questo anticipo può variare da 15 minuti a 3 ore in base alla tratta scelta. Nell’eventualità in cui ci si presentasse al porto in ritardo, la compagnia si riserva la facoltà di negare l’imbarco e di invalidare il biglietto acquistato, che non sarà utilizzabile su una corsa successiva.

Tutti i passeggeri, compresi i bambini e i neonati, sono tenuti ad esibire un documento di identità valido e consono  per  lo sbarco nel porto di arrivo. Inoltre, i proprietari di animali, devono anticipatamente informarsi sulla documentazione richiesta per effettuare il viaggio, come libretto sanitario e il pet passaport.

A bordo dei traghetti sono sempre presenti servizi di bar e ristorazione, toilette e aree destinate  all’alloggio animali, qualora non si fosse prenotato una cabina idonea al loro accesso.  È possibile trovare, in base alla compagnia con cui si viaggia, aree gioco per i bambini, cinema o sale tv, piscine  e solarium sui ponti esterni , boutique e connessione wi-fi per rendere più piacevole la traversata. Durante tutto il tragitto è assolutamente vietato scendere e sostare nei garage auto, perciò è necessario munirsi di tutto l’occorrente per trascorrere serenamente la traversata  prima di parcheggiare il proprio veicolo.

Giunti a destinazione sarà cura dello staff di bordo comunicare le istruzione per lo sbarco sia dei passeggeri che dei veicoli, è importante ricordarsi di non lasciare nessun effetto personale sul traghetto, le compagnie non si assumono nessuna responsabilità per eventuali oggetti smarriti. In ogni caso sarà necessario contattare direttamente la società marittima per concordarne il recupero.

Con queste semplici, ma essenziali  indicazioni l’osservatorio di Traghettilines  intende rendere la vostra traversata più facile e tranquilla e augurare a tutti una buona vacanza!

<< Torna indietro